Ciao a tutti, oggi voglio parlarvi del mio primo Outfit Customizzato. È passato un po' di tempo da quando ho completato questo progetto, ma mi sembra giusto approfondirlo in questo articolo, così anche voi, se siete interessati, avrete la possibilità di creare il vostro outfit personalizzato o di chiedermi di farlo per voi. Se siete pronti, iniziamo!

MATERIALI

  • Felpa bianca taglia Xl (ho preso una taglia abbastanza grande per evitare in caso di modifiche che mi stesse stretta) 
  • Bandane vecchie 
  • Filo da cucito bianco e viola 
  • Pantaloni rosa salmone con tasche 
  • Acrilici 
  • Fogli per stampa su tessuti 
  • Uniposca 
  • Macchina Cucito 
  • Polisterolo 
  • Sketchbook  e materiali classici da disegno (matita, gomma ecc…)

L'IDEA

L’idea di realizzare un outfit Custom è uscita in seguito ad una semplice chiacchierata tra amici. L’outfit in fondo è un po’ la firma di ognuno di noi. Può rappresentare qualcosa di importante in contesti specifici oppure semplici abitudini in altri. Dato che non avevo mai avuto a che fare con i tessuti ho deciso di cimentarmi in una sfida un po’ più importante.  

Essendo io totalmente inesperto nel campo della sartoria e del fashion design, ovviamente ho proceduto a piccoli passi, probabilmente ci saranno diversi errori, ma in fondo anche quelli fanno parte del processo. Avendola vista anche come una sfida in cui potessi divertirmi non ho dato troppo peso agli sbagli commessi, in fondo è normale.  

FELPA

Prima di iniziare con i tessuti ho realizzato qualche sketch. Anche per l’outfit come per gli altri progetti si inizia sempre con qualche prova e bozzetto, in modo da capire come orientarsi sull’intero lavoro. Dato che avevo già alcune idee in mente dopo poche bozze mi sono messo all’opera ed ho iniziato a lavorare sul primo pezzo del custom ovvero la felpa. 

Nel creare questa personalizzazione, non mi sono limitato a disegnare per migliorarla, ma ho anche voluto imparare qualcosa di nuovo. Ho aggiunto delle cuciture lungo i gomiti delle maniche. L’idea era di tagliare la maglia per creare due rettangoli lungo i gomiti e, successivamente, rivestire quella parte con delle bandane. Ho utilizzato dei lacci delle scarpe per creare una finta cucitura.
Ma procediamo con ordine!

Passo A) Tagliare la felpa.
Inizialmente avevo un po’ di paura
perché non sapevo se sarei riuscito a richiudere i buchi appena realizzati, ma senza aspettare troppo mi sono messo all’opera e dopo aver sbagliato con la prima cucitura ho ritagliato un buco più grande. Ovviamente gli spazi dedicati a queste bandane erano i medesimi sia per il braccio destro che per il sinistro. Se volete vedere con più concretezza tutti i diversi procedimenti vi lascio a fine articolo il video che ho caricato sul mio canale Youtube Leezyart. Ma proseguiamo.

Passo B) Cucire le bandane e i lacci delle scarpe.
Questa è stata la fase più complessa, dato che non avevo mai cucito in vita mia. Non vi dico quante ore ho passato su
i tutorial per capire come si usasse una macchina del cucito, ma dopo alcuni tentativi, diversi sbagli e tante ore sono riuscito a realizzare e finire le cuciture sulle maniche, ovvero la prima parte della Custom. Per quanto riguarda i colori delle bandane e dei lacci, ho utilizzato tutte tonalità tendenti al viola, dato che poi l’illustrazione sul retro l’avrei disegnata utilizzando le medesime tonalità.

Passo C) Una volta finita la fase di cucitura sono passato all’illustrazione nella parte posteriore della felpa. Matita, acrilici e Indelebili hanno fatto il loro lavoro. Se volete che vi parli un po’ del disegno, beh vi posso dire qualcosina. L’idea è stata quella di creare un personaggio che in qualche modo stava fuggendo al mondo sottostante. La doodle art è venuta in mio aiuto e pezzetto dopo pezzetto ho composto l’intera illustrazione. Le fasi sono state bozza – colorazione con acriliciline art e ferro da stiro.

PERCHÉ IL FERRO DA STIRO?

Semplicemente per far sì che gli acrilici attecchissero al meglio alla felpa. Ovviamente ho utilizzato un foglio di carta da forno per evitare di bruciare la maglia. É come se fosse un metodo per aiutare la stampa a legarsi con il tessuto. Funziona? Beh, in realtà sì. Gli acrilici sono comunque colori difficili da lavare, ma dopo diversi lavaggi in lavatrice la maglia è ancora molto carina.

Abbiamo finito con la felpa? ANCORA NO! Abbiamo ancora la parte frontale. Dato che il retro aveva già molto da raccontare, per la parte davanti ho voluto stampare il mio logo. In questo caso ho utilizzato una carta speciale. La carta per stampare sui tessuti. Dopo aver stampato il disegno sui fogli ho utilizzato ancora una volta la carta da forno e il ferro da stiro e ho “inciso” la stampa sulla felpa. Ovviamente in questo pacchetto di fogli speciali ci sono tutte le istruzioni che vi mostrano i procedimenti per utilizzarli al meglio. 

PANTALONI

Beh, qui non ho molto da aggiungere, i procedimenti sono stati i medesimi della felpa. Prima taglio e cuciture sui lati dei pantaloni. In questo caso ho utilizzato bandane e lacci bianchi per riprendere il colore della felpa. In seguito sul retro dei pantaloni ho realizzato un doodle e ho anche stampato il mio logo su una tasca. Non vi sto a rispiegare tutto perché sarebbe semplicemente una ripetizione.  

CLICCA QUI ED ISCRIVITI PER VEDERE ALTRI PROGETTI COME QUESTO! 🙂

Gentili lettori, io spero che questo articolo sia stato di vostro gradimento, se volete vedere tutto il processo vi lascio qui il video in cui vado a compiere questa incredibile impresa. Per quanto riguarda il progetto sono molto soddisfatto di come sia uscito, ci sono alcuni errorini che oggi migliorerei ma tutto sommato per essere il mio primo lavoro di questo tipo mi ritengo soddisfatto, ma fatemi sapere voi se avete consigli o semplicemente che ne pensate di questa custom. Io vi ringrazio e ci becchiamo al prossimo articolo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *